Archivi categoria: Alcuni nostri commenti

OBAMA, QUATTRO AVVOCATI, E LA “GIUSTIFICAZIONE” DELL’ATTENTATO OMICIDA A BIN LADEN

L’attentato (ha riferito il New York Times) fu studiato dai militari in ogni particolare nella rispettiva  strategia, mentre  la sua abilitazione  giuridica fu affidata a quattro avvocati. Che affrontarono  il  problema per temi. 1.La Sovranità del Pakistan Cioè della  nazione … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti, Home | Lascia un commento

NICOLETTA DOSIO E L’(IN)ESTINZIONE DEL (SUO) REATO

1.Militante NO TAV, docente “di latino e greco”, nell’anno 2012, sulla autostrada Torino Bardonecchia, con altri, apre le barriere del casello per favorire il transito veicolare senza pedaggio. Processata per reati di “violenza privata” e di “interruzione di pubblico servizio” … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti, Home | Lascia un commento

DELL’UTRI FINISCE LA SUA PENA, PER “REATO DI CONCORSO ESTERNO IN ASSOCIAZIONE MAFIOSA”, INFLITTAGLI SENZA CHE LA LEGGE LO PREVEDESSE….

Seconda e ultima parte FATTO 4.Chi ritenga che il processo legislativo, dagli sbocchi sopra visti  , sia stato opera dei rappresentanti del popolo in Parlamento, ignorerebbe  il suo complesso  tecnicismo  e la sua estraneità alle conoscenze loro (sebbene,  allora, ben  … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti | Lascia un commento

DELL’UTRI FINISCE LA SUA PENA, PER “REATO DI CONCORSO ESTERNO IN ASSOCIAZIONE MAFIOSA”, INFLITTAGLI SENZA CHE LA LEGGE LO PREVEDESSE….

(Prima parte di due) ANTEFATTO NEI PRESSI DEL 1982, DELLA LEGGE ROGNONI LA TORRE…. 1.La mafia spara e uccide, ed anche per la omertà del contesto ove vive, raramente se ne scopre l’autore. D’altronde, la evoluzione sociopolitica del Paese è … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti | Lascia un commento

ARCELOR MITTAL E LO STATO (D’INCURIA GIURIDICA) DELLA POLITICA ITALIANA

1. Chi dubitasse che lo “scudo penale” sia appartenuto fin dall’origine al contratto Arcelor Mittal –ex Ilva e anzitutto chi lo negasse, potrebbe utilmente leggere quanto riferisce l’Atto di Citazione della prima avverso la seconda, avanzato per avere dal giudice … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti | Lascia un commento

CAPRISTO PROCURATORE A TARANTO, ARCELOR MITTAL, “ ILVA”…

Nel corso delle indagini per l’incendio del celebre teatro Petruzzelli in Bari, la sorte di un accusato sta nel verbo di un testimone. Che tuttavia è morente. Lo interroga un magistrato, che non riesce ad avere risposta ne’ orale ne’ … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti | Lascia un commento

CASO BOSCHI-BANCA ETRURIA. IL PROCURATORE ROSSI E I SUOI INCARICHI GOVERNATIVI

1.Il Csm (consiglio superiore della magistratura) non ha confermato l’incarico di  procuratore di Arezzo al dr.  Roberto Rossi, a giudizio  per essersi assegnato ed avere trattato il fascicolo penale sul fallimento di  Banca Etruria,  pur essendo consulente al Dipartimento affari … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti | Lascia un commento

SALVINI E IL “DECRETO SICUREZZA BIS”: PERSONALIZZAZIONE DELLA FUNZIONE LEGISLATIVA FINO ALLA ACQUISIZIONE DELLA IMPUNITA PER REITA’ PASSATE E FUTURE

“DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI CONTRASTO ALL’IMMIGRAZIONE ILLEGALE E DI ORDINE E SICUREZZA PUBBLICA. Art. 2: (Modifiche al codice della navigazione) 1. All’articolo 83 del codice della navigazione, approvato con regio decreto 30 marzo 1942, n. 327, sono apportate le … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti, Home, Pagina Facebook | Lascia un commento

BORGHI E SALVINI, CON I LORO MINIBOT, SONO SOLO TOT0’ E PEPPINO?

Gli esilaranti personaggi della commedia cinematografica dei falsificatori di banconote da lire diecimila (che avrebbero speso per scacciare la fame), i quali agivano nottetempo dal “ Tipografo LoTurco” (che impartiva ordini da chirurgo: alcool..! alcool..), appendevano le banconote ad un … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti, Home, Pagina Facebook | Lascia un commento

ALABAMA ANTIABORTO ANTIUOMO

1.Durante la monarchia fascista italiana (codice penale 1930, artt 545 ss), chiunque “cagiona(sse) “l’aborto di una donna”” senza il suo consenso era passibile di reclusione fino a dodici anni. Col suo consenso fino a cinque anni. Per “l’esercente la professione … Continua a leggere

Pubblicato in Alcuni nostri commenti, Home, Pagina Facebook | Lascia un commento